Fenagifar
menu

FENAGIFAR IN TOUR PER L’ITALIA PER PARLARE DEL CCNL

A conclusione della prima assemblea nazionale di Fenagifar, il Presidente dott. Vladimiro Grieco, ha annunciato il Tour della Federazione nelle varie città d’Italia, per incontrare tutti i farmacisti e poter raccogliere personalmente le idee e le proposte sul CCNL.

Ma facciamo un passo indietro.

“A decidere del tuo futuro devi essere tu, diventa artefice del futuro della professione più bella del mondo”. Questo il motto della prima assemblea pubblica Fenagifar, che si è svolta Domenica 22 Ottobre a Roma in occasione del week end dedicato a Farmacistapiù.

Obiettivo dell’incontro è stato un confronto attivo, per scrivere un documento condiviso da presentare agli organi e alle sigle di categoria in vista della discussione del rinnovo del contratto prevista per Luglio 2024.

Troppo spesso si sentono le domande “perché non ci sono giovani neolaureati farmacisti da assumere?” “sono mesi che cerco un collaboratore, perché non lo trovo?”.

Fenagifar, essendo la federazione dei giovani farmacisti, ha deciso di rimboccarsi le maniche e impegnarsi attivamente per capire i motivi e dare delle risposte concrete ai colleghi.

Il primo passo è stata la creazione di una survey, che è stata sottoposta ai farmacisti di tutta Italia durante il mese precedente l’assemblea.

Sei soddisfatto del tuo stipendio? Il tuo lavoro ti dà la flessibilità di soddisfare la tua vita privata? Quanto sei stressato dal tuo carico di lavoro? La farmacia in cui lavori investe nella formazione? Hai mai pensato di cambiare lavoro? Sono solo alcune delle domande a cui i farmacisti si sono trovati a dover rispondere.

Dal questionario è emerso che il 67,1% dei colleghi si ritiene attualmente poco o per niente soddisfatto del proprio salario, il 76,3% non reputa che il lavoro si concili con la propria vita familiare, ma il dato più allarmante è che l’80,3% dei farmacisti potrebbe cambiare lavoro nei prossimi anni.

Questi sono dati che come Federazione non possiamo sottovalutare, motivo per cui dall’indagine nascono una serie di riflessioni e iniziative di cui Fenagifar si farà portavoce per un cambiamento concreto:

  • Riconoscimento del farmacista come operatore sanitario: Essere riconosciuti anche da contratto come operatori sanitari è ora doveroso, soprattutto alla luce dell’impegno profuso da tutti i colleghi durante la pandemia e per la piena attuazione della farmacia dei servizi.
  • Q2 a contratto chiaro: definizione in maniera dettagliata dei requisiti di accesso. Il livello Q2 deve essere un premio di merito, ma deve essere chiaro a ciascun collaboratore e titolare quali sono gli step per ottenerlo o riconoscerlo ai colleghi. Solo così può essere davvero premiato l’impegno, le competenze e l’esperienza acquisiti.
  • Premi di risultato: per favorire il reddito dei colleghi e la compatibilità con i risultati di gestione della farmacia, vanno ampliate le forme di retribuzione premiante attraverso la contrattazione aziendale di secondo livello (welfare).

Dopo questa introduzione si è tenuta una tavola rotonda di confronto con quattro relatori d’eccellenza, che da tempo si occupano del tema e che hanno sviscerato i vari punti.

Il primo a prendere la parola è stato il dott. Federico Antonelli, rappresentante della Filcams-CGIL, il quale ha fatto chiarezza circa le dinamiche di contrattazione proprie dei tavoli, spiegando nel dettaglio chi ha il compito di portarle avanti e in quale maniera.

Successivamente è intervenuto il dott. Giuseppe Guaglianone, vicepresidente dell’Ordine dei Farmacisti di Roma, il quale ha fatto luce sul contratto da operatore sanitario, evidenziando le principali differenze rispetto al contratto attuale.

Dopo una prima tranche di domande ha preso la parola il dott. Andrea Collesei, presidente dell’associazione Farmacisti NON titolari, che ci ha raccontato i risultati di sue indagini personali sul grado di soddisfazione dei farmacisti rispetto a diversi aspetti della professione.

In ultimo è intervenuta la dott.ssa Maddalena Pisani, consulente del lavoro che da oltre quarant’anni segue le farmacie, la quale ha illustrato nel dettaglio cosa è il welfare aziendale e perché è vantaggioso sia per l’azienda sia per il lavoratore.

La giornata del 22 ottobre “è solo l’inizio” secondo il Pres. Fenagifar Grieco, che promette di incontrare le Agifar italiane per raccogliere quante più informazioni dai suoi soci: “Ascoltare la voce dei nostri colleghi, giovani e non, ci permette di capire quali siano le nostre prospettive future a breve termine.” L’invito, infatti, è quello di farsi trovare pronti nei territori ed iniziare a sensibilizzare i colleghi ad una serata dedicata alla discussione e al confronto sulle tematiche del lavoro.

Fenagifar “CCNL on tour” è un passo in avanti della Federazione per sentire vicino i propri soci e sostenitori.

A cura di Maddalena Boreatti